Logo CON TITOLO per fondo bianco (galleria +) oltredimore @ ARTELIBRO 2014

ARTELIBRO Festival del Libro e delle Storia dell’Arte Palazzo Re Enzo e del Podestà 18 – 21 settembre 2014 Saremo presenti nella sezione PROGRAMMA ITALIA – Miti, Archetipi, Nuove Iconografie a cura di Sergio Risaliti con un solo show di Michele Giangrande.   Giovedì apertura 19:00 – 21:00 ingresso gratuito Venerdì e sabato 10:00 – [...]

Postato da:

invito immagine Guardando la mela / L’amore non è giusto. Incontro di poesia

Giovedì 19 Giugno dalle ore 18.00 Davide Rondoni legge in galleria poesie tratte dal suo libro “L’amore non è giusto” edito da CARTACANTA in relazione con i lavori del progetto di Alessia De Montis “To be apple or not to be apple. Un dubbio amletico sull’amore platonico”. L’artista sarà presente. Interviene anche la poetessa Eva [...]

Postato da:

Salvatore Manzi EXZAK Presentazione del libro “Salvatore Manzi EXZAK” a cura di Stefano Taccone

(galleria +) oltredimore ospita giovedì 12 giugno alle 17 la presentazione del libro “Salvatore Manzi EXZAK” a cura di Stefano Taccone. Alla presentazione del libro parteciperanno: Chiara Pergola, artista visiva e docente di Installazioni Multimediali presso l’Accademia di Belle Arti di Bologna Raffaele Quattrone, sociologo e curatore di arte contemporanea «Questo libro», scrive Stefano Taccone, [...]

Postato da:

logo gallerie ascom MAGGIO D’ARTE A BOLOGNA passeggiando tra le gallerie

Le Gallerie d’Arte Moderna e Contemporanea Confcommercio ASCOM Bologna presentano MAGGIO D’ARTE A BOLOGNA passeggiando tra le gallerie: aperture speciali giovedì 8 – 15 – 22 – 29 maggio 2014 dalle ore 16 alle ore 22.30. Programma mostre ‘Maggio d’arte a Bologna’  

Postato da:

Visualizza tutti i post

a piece of wall for you mon amour

 

Nawras Shalhoub _ A piece of wall for you mon amour

inaugurazione Giovedì 2 Ottobre dalle 18

02-10-14 | 22-11-14

(galleria +) oltredimore presenta la prima mostra personale in Italia dell’artista palestinese Nawras Shalhoub.

In galleria un’antologia di lavori in cui l’artista esplora la questione del dolore alternando una vicinanza intima con il soggetto ad un’osservazione più distante e prudente. Venendo da un paese in conflitto, Nawras Shalhoub non ha avuto altra scelta che quella di essere in contatto con il dolore, sia fisico che morale. Pertanto la sua ricerca artistica è lo strumento che usa per entrare in contatto con la sofferenza, propria e degli altri, e per trasformarla in energia.

“La cosa migliore di una guerra è la sua fine: la fine dell’occupazione, la fine del dolore, la speranza che il domani arrivi senza bombe e senza morti, senza proiettili e senza muri; i muri non restano nella storia, forse durano qualche decina di anni ma non di più, chimere nell’esistenza di un popolo. Il muro di cemento e il muro nelle menti, non si nasconde, è visibile, palpabile e lascia delle tracce nei corpi e nelle anime; un muro con il quale si può convivere, che si vede quando ci si abita di fianco, che ci impedisce di andare a vedere i nostri alberi e i nostri vicini, a volte la nostra famiglia, frontiera interna; un muro che si può scegliere di distruggere, con il quale si può scegliere di non convivere, bisogno di liberazione e di grandi paesaggi; per raggiungerli, immaginiamo un “dopo i muri”. Eccone un pezzo, un regalo per te, amore mio, un regalo per tutti.” NS
Nawras Shalhoub è nato nel campo profughi palestinese di Yarmuck in Siria nel 1974. Rientra con la sua famiglia in Palestina solo nel 1994, e rimane nella Striscia di Gaza fino al 2001. Diplomato alla Scuola di Belle Arti di Strasburgo nel 2007, vive ora in questa città . Profondamente attaccato alla sua terra, la Palestina, la sua opera si impossessa della sua vita, ma mira a fornire un messaggio universale, esplorando il punto in cui la sofferenza e l’amore collidono, impossessandosi di materiali e mescolando esperienze inaspettate con un sorprendente senso dell’umorismo. Dal 2008 al 2012, ha partecipato ad una residenza artistica nella città di Strasburgo. I suoi lavori, che abbracciano tanto la pittura quanto il video, le installazioni e la scultura, sono stati esposti in Italia, Corea, Emirati Arabi Uniti, Francia e Palestina tra il 2008 e il 2013.